IL PETRUZZELLI BRUCIA DUE VOLTE!

Il Teatro Petruzzelli di Bari è stato commissariato.

Il Ministro per i Beni e le attività culturali, Lorenzo Ornaghi, ha deciso di avviare le procedure, ai sensi della L. 241/1990, per il commissariamento della Fondazione lirico-sinfonica Petruzzelli di Bari, a causa delle presunte gravi inadempienze nella scelta di un sovrintendente, circostanza che, di fatto, avrebbe bloccato anche l’erogazione delle sovvenzioni necessarie per l’attività teatrale.

 Il commissariamento del Teatro Petruzzelli, tuttavia, apre lo scenario sulla crisi in cui ormai versa da anni l’ente lirico e che ne impedisce addirittura l’approvazione del relativo bilancio, mettendo  a rischio ben 200 posti di lavoro.

Tale decisione – spiega una nota del Ministro – “si è resa necessaria dopo che il Consiglio di amministrazione, in un’ulteriore riunione, non ha provveduto alla nomina del sovrintendente”.

Il Ministro, si legge ancora, “ha seguito personalmente e con grande attenzione, nei giorni scorsi, l’evolversi della vicenda, proprio per impedire che l’attuale condizione di stallo metta a repentaglio la stessa esistenza di questo ente irrinunciabile per la cultura del Mezzogiorno.  Egli ha, inoltre, ritenuto di comunicare personalmente al Sindaco di Bari la sua decisione”, conclude la nota.

Tuttavia, dal capoluogo Pugliese il Sindaco Emiliano, presidente della Fondazione Petruzzelli, rivendica la richiesta di commissariamento: attesa, infatti, la prevedibile impossibilità di proseguire la gestione finanziaria della Fondazione, spiega il Sindaco, sarebbe stato egli stesso a richiedere l’avvio delle procedure al Ministro, a causa dell’insufficienza dei finanziamenti pubblici necessari per assicurare la stabilità dei rapporti di lavoro delle masse artistiche e di tutti gli altri dipendenti della Fondazione.

Non sono mancate le polemiche, provenienti da esponenti della classe politica barese. D’ambrosio Lettieri, coordinatore cittadino del Pdl a Bari, afferma: “ennesimo ‘colpo di teatro’ di Emiliano”. “Emiliano commissaria se stesso e per il Petruzzelli inscena un’altro “colpo di teatro”, compreso quello di chiedere l’arrivo del commissario proprio quando è messo in minoranza dal consiglio di amministrazione sulla nomina del Sovrintendente. Abbiamo letto tutti le motivazioni chiarissime addotte dal Ministro Ornaghi. Ad essere poco chiara e piena di opacità è la sua gestione che ha portato il Teatro sull’orlo del baratro e i lavoratori in una situazione intollerabile. La verità è che quando si trova alle strette il nostro Sindaco pensa sempre scaltramente di spostare l’attenzione verso il Governo, la Corte di giustizia europea, oppure il Consiglio di Stato. A pagare il conto salato di questa cattiva amministrazione purtroppo saranno i cittadini baresi. L’ho detto e lo riconfermo: il Petruzzelli brucia due volte”.

E così, si preannunciano burrascose azioni legali, mentre i poveri lavoratori restano a casa!

 di Simona Attollino

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *