L’INCORONAZIONE DELLO ZAR DI TUTTE LE RUSSIE

Vladimir Vladimirovich Putin, 59 anni, ex Ufficiale del Kgb, come ampiamente preventivato torna al Cremlino per il suo terzo mandato (che tra l’altro durerà  sei anni), e punta a restarci fino al 2024.

Le votazioni hanno coinvolto anche un migliaio di cittadini russi residenti in Puglia (studenti, lavoratori ma anche numerosi turisti) i quali hanno potuto votare nel seggio allestito per loro nella chiesa ortodossa dedicata a  San Nicola a Bari e donata allo stesso Putin in visita a Bari tre anni fa.

La staffetta con il suo delfino Dmitry Medvede, premier uscente, ha funzionato ancora una volta infatti Putin è stato proclamato presidente della Federazione Russa, per la terza volta, dopo aver ottenuto il 63,75% dei voti, 45,1 milioni in totale. Secondo ad anni luce di distanza il suo eterno rivale, il leader comunista Ghennadij Zjuganov, bronzo a Mikhail Prokhorov, oligarca dei metalli e terzo uomo più ricco di Russia che ha intercettato parte del voto moderato di protesta ( qualche bene informato parla di strategia concordata con il Cremlino per sottrarre spazio a Zjuganov e vista la fine che ha fatto, a suo tempo, un altro oligarca quando ha sfidato lo Zar non risulta difficile sospettarlo).

Visibilmente commosso, una lacrima solcava il suo viso, il neo eletto ha ringraziato i suoi sostenitori per poi scagliarsi subito dopo contro gli oppositori accusandoli di voler spaccare il potere.

Foto: ANSA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *