“CICLOATTIVI” IN UNIVERSITA’

E’ finalmente partita la super maratona del progetto regionale “Cicloattivi“, adotta una bici.

Stamattina l’atrio del palazzo ateneo di Bari è stato invaso da biciclette e a guidare il corteo su due ruote l’assessore Guglielmo Minervini che ha fortemente voluto e sostenuto questo progetto.

Il progetto, a cura dell’ assessorato ai trasporti della Regione Puglia, parte già dallo scorso anno, ma solo oggi trova la sua realizzazione  con gli studenti universitari, infatti lo stesso progetto è partito con gli studenti delle scuole elementari e medie.

Si tratta di un progetto rivolto agli studenti universitari realizzato in collaborazione con le Università, i Politecnici pugliesi e con l’Adisu che prevede la dotazione presso alcune sedi delle Case dello Studente regionali di un parco bici per gli studenti ed attivazione di servizi di noleggio, l’individuazione ed organizzazione di spazi per il ricovero delle bici all’ interno delle Università, un bonus per l’acquisto di biciclette per gli studenti universitari.

Ma non solo, anche officine convenzionate e un servizio per mettere in rete questi speciali ciclisti e tante altre iniziative legate a questo progetto.

La scelta di riferirsi alla popolazione studentesca universitaria è legata a due motivi: la mobilità degli studenti produce un effetto diretto sul sistema del traffico veicolare; gli incontri con i ragazzi rappresentano un’occasione per approfondire i temi della mobilità sostenibile“.

E Guglielmo Minervini dopo la manifestazione scrive su facebook: “Un bel colpo d’occhio. L’atrio dell’Ateneo di Bari, fino a qualche mese fa preda delle auto, oggi è festosamente invaso dalle biciclette. Sono le prime 121 che abbiamo assegnato con il progetto Cicloattivi Università. Agli studenti mettiamo a disposizione un mezzo, chiedendo di essere portatori di un messaggio, che vorremmo contagiasse tutti i pugliesi. La mobilità sostenibile è il modo in cui ciascuno può offre il proprio contributo al cambiamento“.

Foto: facebook

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *