DECRETO SEMPLIFICAZIONI PASSA AL SENATO

Il decreto legge sulle semplificazioni è approdato ieri alla Camera, incassando la fiducia di 476 deputati ed ora si attende il prossimo martedì per l’esame del Senato in seconda lettura.

La scelta di porre la fiducia sul maxiemendamento ha portato non pochi malumori nel mondo della politica. Si tratta, infatti, della decima, da quando è in carica l’esecutivo dei Professori.

Sono in arrivo numerose novità per i cittadini:

– Cambio di residenza e altre variazioni personali potranno richiedersi anche online ed in tempo reale.

– Arriva la cartella clinica elettronica, la regolamentazione dell’utilizzo della telemedicina e l’utilizzo di sistemi di prenotazione elettronica. Il testo prevede che nei piani di sanità nazionali “si privilegi la gestione elettronica delle pratiche cliniche attraverso l’utilizzo della cartella clinica elettronica” così come i “sistemi di prenotazione elettronica delle visite”;

– Le carte di identità scadranno nel giorno e del mese di nascita, permettendo una facile memorizzazione del termine;

– E’prevista, inoltre, l’introduzione del bollino blu per il controllo delle auto che avrà una scadenza pari a ogni revisione;

– Per quanto riguarda le pubbliche amministrazioni, dovranno divenire più virtuose, pareggiando gli oneri amministrativi;

– Via libera all’accesso all’ingrosso alla rete fissa di telecomunicazioni, “al fine di garantire la massima concorrenzialità nel mercato delle telecomunicazioni, i servizi di accesso all’ingrosso di rete fissa, devono essere offerti agli operatori concorrenti in maniera disaggregata in modo che gli stessi operatori non debbano pagare per servizi non richiesti e si possa creare un regime concorrenziale anche per i servizi accessori”;

 – Stop al blocco dell’organico dei professori e personale ausiliario della scuola al 2011, previsto dalla manovra dello scorso  luglio di Tremonti.  Il loro numero, secondo la manovra potrà aumentare in base all’eventuale aumento del numero degli studenti. Tale operazione sarà finanziata dal 2013 dalle eventuali maggiori entrate provenienti dal gioco del Lotto.

Restiamo in attesa di conoscere i futuri risvolti….

 di Roberta Cupertino

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *