A.S. BARI, ULTRA’ E CALCIO SCOMMESSE: UNO SPORCO GIRO D’AFFARI

Gli ultimi arresti eccellenti erano stati effettuati nel mese di dicembre, con lex capitano dell’Atalanta, Cristiano Doni, che veniva prelevato dalla sua abitazione dagli uomini della Squadra Mobile di Cremona. Quello stesso giorno (19 dicembre 2011) finivano in manette altri ex calciatori del calibro di Carrobio, Sartor, Gervasoni e Zamperini.

A distanza di poco più di due mesi il calcio scommesse torna purtroppo protagonista (non inaspettatamente dopo le dichiarazioni del capo della Polizia Antonio Manganelli), e a farne i conti è il Bari calcio nonchè diverse altre Società coinvolte con quest’ultima nello scandalo suddetto.

Ma andiamo con ordine. Dagli interrogatori resi da alcuni indagati è emerso il coinvolgimento di dirigenti e calciatori di diverse squadre di calcio, tra cui quella pugliese, il tutto confermato da numerose telefonate effettuate alla vigilia delle partite sospette. Infatti, a tal proposito, i carabinieri del reparto operativo, oltre alle varie testimonianze e accertamenti bancari, sono in possesso dei tabulati telefonici di sei ex giocatori dell’A.S. Bari (Andrea Masiello, Abdelkader Ghezzal, Marco Rossi, Alessandro Parisi, Simone Bentivoglio e Marco Esposito) che coinvolgerebbero, tra l’altro, i diversi contatti avuti con i loro colleghi alla vigilia delle partite finite sotto la lente di ingrandimento.

E non è finita! Di tutta questa triste vicenda che ha dello sconcertante, inaspettato e vergognoso, oltre al coinvogimento di tre ristoratori baresi tra cui Onofrio De Benedictis accusato di “associazione per delinquere finalizzata alla frode sportiva in concorso con altri”, nel fascicolo aperto dalla Procura della Repubblica di Bari, sarebbero finiti diversi ultrà baresi con l’accusa di aver chiesto ai propri presunti beniamini, di perdere delle partite. Tutto ciò, come innanzi detto, è riprovevole se si considera che, in passato, le maggiori contestazioni alla squadra, al tecnico e soprattutto al Presidente Vincenzo Matarrese, sono piovute dagli ultrà. Da loro nessuno se lo sarebbe mai spettato.

 Foto: ANSA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *