IKEA IN CONTROTENDENZA

 

Il gruppo svedese Ikea cambia rotta e in totale controtendenza rispetto alla maggior parte delle aziende italiane sposta alcuni pezzi della sua produzione dall’Asia all’Italia.

Le commesse del colosso dell’arredamento sono stimate intorno ad un miliardo di euro all’anno. I nuovi partner produttivi si trovano in Piemonte, ma le regioni leader restano Veneto, Friuli e Lombardia

Questo fa dell’Ikea il primo cliente della filiera italiana dell’ arredolegno.

Queste le dichiarazioni rilasciate dai vertici Ikea: “Abbiamo individuato nuovi partner italiani che hanno preso il posto di fornitori asiatici grazie alla loro competenza, al loro impegno e alla capacità di produrre articoli caratterizzati da una qualità migliore e a prezzi più bassi dei loro concorrenti asiatici“.

Un ottimo risultato ed una bella conquista tutta italiana che ci fa conquistare un posto di tutto rispetto, a livello occupazionale ma anche a tavola, infatti una cucina su tre venduta da Ikea in tutto il mondo viene prodotta in Italia.

Inoltre, la catena scandinava in Italia acquista anche elettrodomestici, camere da letto, scaffalature, librerie e bagni.

La ricaduta occupazionale collegata al gruppo Ikea è stimabile attorno ai 2.500 posti di lavoro. Se a questi si sommano i 6.600 dipendenti della rete commerciale e logistica di Ikea in Italia e l’indotto generato dai punti vendita, la ricaduta occupazionale diventa pari a circa 11.000 posti di lavoro.

Foto:iljornal.it

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *