E’ LA VOLTA DI DUKAN

La bella stagione è oramai alle porte e l’ansia da “prova costume” cresce in maniera esponenziale.

Così, la corsa è alla dieta migliore, quella che possa assicurare il dimagrimento nel più breve tempo possibile.

Sembra nell’ultimo periodo aver preso piede la cosiddetta Dieta Dukan, dal nome del suo autore, un medico francese che sostiene un ritorno alle abitudini alimentari preistoriche, quando l’uomo si cibava solo di proteine (carne o pesce).

Ma vediamo, in dettaglio, le linee guida del regime alimentare più gettonato degli ultimi tempi.

Quattro le fasi da seguire: una “fase di attacco” breve ed efficace, una “fase di crociera” che dovrebbe condurre al giusto peso, una “fase di consolidamento”, verso un’alimentazione equilibrata, ed infine una “fase di stabilizzazione”.

Poche regole, ma severe e intransigenti, proprio per evitare il triste destino del recupero al peso perduto.

Un successo oramai planetario per il Dott. Pierre Dukan e la sua dieta, così pare. Lo testimoniano anche i numerosi forum e blog che si moltiplicano in rete, nati dall’entusiasmo dei seguaci che, effettivamente, hanno raggiunto i risultati raggiunti.

Tuttavia, non è tutto oro quello che luccica.

Coloro i quali hanno perplessità sul metodo sono altrettanto numerosi: problemi cardiocircolatori e  sofferenze renali, ma anche eccessiva spossatezza e svenimenti.

Insomma, avvertono, bisogna andarci cauti! Mantenersi in forma si, ma con criterio ed equilibrio.

È innegabile che il sovrappeso rappresenta, ormai, uno dei grandi mali delle moderne società, in cui il consumismo e l’iperalimentazione hanno preso il sopravvento, tanto che l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) l’ha definito come la “prima epidemia non infettiva”. E tutte le diete che, giorno dopo giorno, si elaborano e pubblicizzano hanno dimostrato l’assenza di un regime “perfetto” e condiviso dalla totalità degli specialisti.

In tal senso, l’approccio ad un’alimentazione naturale elaborato da Dukan avrebbe lo scopo di contrastare “la deriva culturale legata all’abbondanza che provoca i problemi di sovrappeso di cui soffre il mondo attuale”.

Ma ricordate: quale che sia il regime alimentare prescelto, è importarlo seguirlo con criterio, moderazione ed equilibrio.

Foto: pilloleculinarie.it

di Simona Attollino

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *