IN RICORDO DI FALCONE E BORSELLINO

Anche Bari questa mattina ricorda i due giudici uccisi dalla mafia, simbolo di legalità e dedizione.

Le tante testate giornalistiche, oggi, riservano inevitabilmente una pagina alla strage di Capaci: è necessario, del resto, parlarne ancora e sempre con la stessa intensità, nonostante siano passati 20 anni.

“Perché una società vada bene, si muova nel progresso, nell’esaltazione dei valori della famiglia, dello spirito, del bene, dell’amicizia, perché prosperi senza contrasti tra i vari consociati, per avviarsi serena nel cammino verso un domani migliore, basta che ognuno faccia il suo dovere.”

Così proprio Giovanni Falcone ebbe a dire, e soprattutto a dimostrare, con il suo impegno e il suo esempio nella lotta alla criminalità e alla mafia.

A Bari alle 9.30 di questa mattina il Sindaco Emiliano ha omaggiato con una corona di fiori la Via intitolata ai due magistrati. Alla manifestazione era anche presente l’assessore alla provincia Sergio Fanelli, numerosi rappresentanti delle istituzioni locali e la gente comune, tutti coloro i quali credono ancora in quel dovere di solidarietà sociale che può davvero costruire una società migliore.

Il Sindaco ha, così, esordito: “Oggi ricordiamo dei grandi servitori dello Stato, uomini che allo Stato hanno dato tutto, compresa la loro vita. Ricordare l’impegno e il lavoro che hanno portato avanti con coraggio è un atto dovuto per non dimenticare il loro sacrificio, i loro principi e, soprattutto, per ribadire che la responsabilità di combattere le organizzazioni criminali e ogni forma di illegalità appartiene a tutti noi”.

Giovanni Falcone e Paolo Borsellino: due vittime, ma anche due eroi che, a vent’ anni dalle stragi, continuano a difendere il dovere e la responsabilità di ciascuno di noi a non essere ricattabili da poteri senza legge.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *