EURO 2012: SPAGNA CAMPIONE, “MATANZA” ITALIANA

Amaro epilogo per gli azzurri di Prandelli che sono capitolati sotto i colpi di una Spagna, la quale mai come ieri sera ha disputato una gara perfetta sotto ogni aspetto: tecnico, tattico e dell’intensità.

La consapevolezza che non sarebbe stata una gara per nulla facile si è concretizzata sin dal primo giorno successivo alla semifinale contro la Germania.

Da una parte l’Italia, una squadra giovane e completamente rifondata dopo la debacle del mondiale sudafricano 2010, in cui non si qualificò nonostante un girone composto dalle non irresistibili Slovacchia e Nuova Zelanda.

Dall’altra la Spagna, squadra di veri campioni che calcano vittoriosamente la scena internazionale già da diverso tempo, attraverso le squadre di club (Barcellona e Real Madrid) e la nazionale stessa (oltre al titolo conseguito ieri sera vanno sommati un altro Europeo vinto nel 2008 e un Mondiale vinto nel 2010).

La partita è stata un monologo a tinte rosse, con gli azzurri costretti ad inseguire sin dal 14′ minuto del primo tempo in cui uno strepitoso Silva ha realizzato di testa il vantaggio spagnolo. Il raddoppio, sempre nel primo tempo, al 41′ con Jordi Alba che ha freddato Buffon sul primo palo. Nel secondo tempo la musica non cambia, l’Italia in dieci uomini a causa di un infortunio accorso a Thiago Motta con i cambi terminati, la Spagna controlla agevolmente la gara e a dieci minuti dal triplice fischio, come quando il torero tiene d’occhio senza troppi problemi un toro moribondo, Torres (83′) e Mata (88′) chiudono i conti mettendo di fatto fine all’incontro.

Comunque sia andata questa Italia ha fatto più di quanto ci si aspettasse all’inizio.

GRAZIE CAMPIONI!!!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *