“GRASSIE” LAURA

Il 18 Luglio scorso, Bari ha potuto finalmente riabbracciare Laura Pausini.

La Pausini, che soltanto nel 1993 era partita da Solarolo alla volta del Festival di Sanremo con l’ormai intramontabile “La Solitudine”, a distanza di quasi vent’anni è una delle artiste italiane più amate al mondo.

A migliaia sono accorsi per il concerto barese dell’Inedito World Tour.

Il pomeriggio del 18 luglio scorso, l’artista si è concessa dapprima ai ragazzi iscritti al suo fan club ufficiale, ricompensandoli così dell’attesa e delle ore trascorse sotto il sole cocente. Si tratta di coloro che la seguono da una vita, che l’hanno accompagnata nella sua avventura, con i quali ha condiviso le prove del sound check, ha duettato, scherzato e chiacchierato.

E poi lo spettacolo è cominciato veramente.

Alle 21:30 iniziano a lampeggiare le luci rosse, poi quelle gialle, si leva la batteria ed iniziano a scorrere le note di “Benvenuto”, il singolo che ha anticipato l’attesissimo album “Inedito”, uscito in anteprima mondiale l’11.11.2011, e che in meno di mezz’ora è divenuto primo in classifica nella versione deluxe e terzo nella versione standard.

Benvenuto a un anno di noi.., canta Laura, perché , dopo due anni di pausa, è un anno vero e proprio quello che ha deciso di trascorrere insieme al suo pubblico, con le sue canzoni, in giro per il mondo. Da Milano e Roma al SudAmerica, passando da Svizzera, Spagna, Francia e Germania, dal prestigioso Royal Albert Hall londinese … fino a Bari, che immancabile ha registrato sold out.

Come nel testo di una delle sue ultime canzoni, dunque, proprio mentre l’intera Arena della Vittoria iniziava a cantare e le chiedeva di uscire, lei era già lì. Magico il momento in cui è comparsa sul palcoscenico, ed ha ritrovato il suo pubblico, quello che ha visto il giorno della sua partenza, e nel suo ritorno trova la sua poesia

La Pausini e la sua band hanno regalato a Bari uno spettacolo da togliere il fiato. Con la regia di Marco Balich (creatore delle Cerimonie delle Olimpiadi di Torino 2006, dell’inaugurazione dello Stadio della Juventus e delle prossime Olimpiadi di Rio 2016), le scenografie di Mark Fisher (architetto inglese e set designer per i Pink Floyd e U2, nonché ideatore degli allestimenti per il Cirque du Soleil), le luci di Patrick Woodroffe, e le coreografie di Nikos Lagousakos che è riuscito a far ballare anche la Pausini, insieme ad un eccezionale corpo di ballo.

In scaletta, i successi più recenti ed un medley con i brani del cuore, tra rock, pop e melodie più dolci, che hanno trascinato l’Arena a cantare sino a perdere il fiato. Dopo due ore, l’atmosfera non era impregnata di altro che entusiasmo, musica, parole, note, emozioni…

Emozione… E’ questo ciò che è rimasto alla fine … perché, Laura, come sempre, è riuscita a regalare emozioni al suo pubblico, grazie alle scenografie, ai balletti, alle luci, ma soprattutto grazie alla sua musica e alla splendida voce…

Così che Bari non ha potuto fare altro dirle : Grassie!

Prossima tappa dell’artista romagnola in Puglia, il 4 agosto a Lecce, e la promessa di tornare di nuovo presto.

Di: Vera Valente

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *