CEGLIE FOOD FESTIVAL

Decine di migliaia di visitatori hanno affollato il centro storico di Ceglie Messapica per la due giorni dedicata al Ceglie Food Festival, un coking show unico, con tantissimi chef stellati arrivati da ogni parte d’Italia. Sabato e domenica (11 e 12 agosto) si sono esibiti in piazza Plebiscito regalando, con le loro ricette e la loro simpatia, un momento di vera arte.

Ad accompagnarli sul palco, Antonella Millarte, uno dei 200 migliori wine journalist del mondo. Con lei, la prima sera la show girl Rossella Brescia, la seconda Barty Colucci, entrambi particolarmente legati alla loro terra. E, proprio la Puglia, ha fatto da protagonista: gli chef hanno infatti realizzato delle ricette in cui non sono certo mancati i prodotti simbolo del territorio. Ma non è tutto: l’intero centro storico della cittadina è stato letteralmente invaso da stand con le specialità del territorio. Oltre 1 chilometro di percorso in cui è stato possibile assaggiare veri prodotti tipici e specialità agroalimentari tradizionali. Il tutto accompagnato dalla buona musica del Conservatorio Tito Schipa di Lecce a cui va un ringraziamento particolare. Ma il Ceglie Food Festival è stato anche un’occasione di solidarietà. Grandi adesioni, infatti, per la cena benefica del 10 agosto.
Famosissimi chef hanno proposto la loro cucina nel ristorante “Tre Trulli” e l’intero incasso è stato devoluto ai ristoratori terremotati dell’Emilia Romagna attraverso l’associazione “Chef to Chef”.

Nel corso della serata sono state anche premiate due eccellenze del territorio: si tratta dell’ingegnere Giovanni Laneve e di Angelo Antelmi. Il primo, rigorosamente nato a Ceglie Messapica, è dirigente presso la Sistemi Software Integrati, azienda di Finmeccanica, impegnata nella progettazione di sistemi per applicazioni spaziali e della difesa nazionale. Antelmi- prima con l’azienda Augusta, poi con la Tecnomessapia- lavora in tutto il mondo, dove esegue interventi delicati nelle basi militari italiane e straniere e a bordo delle più importanti portaerei della Marina degli Stati Uniti. Due uomini che, con la loro professionalità, danno lustro al territorio, come ha sottolineato durante la premiazione il sindaco Luigi Caroli.
Territorio che ha particolarmente conquistato anche lo stilista Etro e sua moglie Constanza. Nel corso del convegno inaugurale della kermesse, a Palazzo Ducale, ha infatti spiegato di essere stato letteralmente “rapito” da Ceglie Messapica al punto da considerarla la sua seconda casa. Vive a Milano, ma appena può scende al Sud e, con moglie e figlia, assapora la magia dei trulli e dei sapori del posto. Anche gli altri relatori (dal critico d’arte e firma de La Repubblica Ludovico Pratesi al creatore di Identità Golose Paolo Marchi) hanno concordato su un punto: questo territorio è speciale perché è in grado di unire storia, natura e sapori unici.

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *