COLMIAMOCI UN PO’….. NONOSTANTE TUTTO

E’ uscito a giugno scorso edito dalla casa editrice wipedizioni s.r.l., il libro dal titolo “Colmiamoci un po’… nonostante tutto”. L’opera che ha ottenuto anche il patrocinio gratuito del comune di Bari, è una raccolta di situazioni tragicomiche nate dalla creatività dello scrittore, Giuseppe D’Elia, cittadino conversanese originario di Bari.

L’opera, come confida il novello scrittore, si propone come strumento di “utilità estrema nel panorama di crisi globale contemporanea dispensando sorrisi a tutto tondo” e puntando attraverso barzellette, colmi, dilemmi, battute di comicità immediata, che accompagnano il lettore nella rapida lettura di questo manuale di sopravvivenza per proteggersi dallo stress quotidiano, ad aiutare i bisognosi di un sorriso a rifugiarsi in un mare di comicità.

Ho intervistato il simpatico Giuseppe al quale ho posto alcune domande.

Come è nata l’idea di scrivere un libro?

R.: Per caso, un giorno, ho incontrato Mingo di Striscia la notizia per strada, e per fortuna avevo con me una copia del libro e glielo regalata. Lui mi ha cercato in casa editrice e mi ha telefonato per farmi i complimenti per una cinquantina di battute contenute nel libro (il libro ne contiene circa 250) e la cosa mi ha fatto enorme piacere. Ora sono al lavoro per il mio secondo lavoro, completamente diverso, narrativo, perché vorrei dimostrare altre qualità. sarà sempre umoristico, ma romanzato e parlerà della coppia. Altro non dico perché è in continua evoluzione. Non so se riuscirò ad essere pronto per la primavera, vedremo.

Come mai hai scelto il genere umoristico?

R.: Le ragioni che mi hanno spinto a buttarmi nella comicità editoriale non sono premeditate. Diciamo che fin da bambino ho avuto sempre questa propensione alla battuta, alla risposta pronta. Sarà stata la vita con le sue ingiustizie, tutto questo mi ha fatto apprezzare l’importanza dell’ironia. E’ una forza maggiore di quella fisica. Ti copre di una cortina di immunizzazione di fronte alla cattiveria della gente, tanto da far dire… “questo la sa lunga”, tenendo alla lontana i malintenzionati. Onestamente ho iniziato a scrivere per essere un giorno pronto ad andare in pensione e passare il tempo. Non credevo che dopo soli 6 mesi tutto sarebbe divenuto realtà. La differenza con chi prova a sopravvivere di qualsivoglia espressione artistica sta nel fatto che io ho il mio lavoro, per cui non vivo la cosa con l’ansia di dover diventare un giorno famoso. Questo sogno lo vivo come un hobby, con le sue soddisfazione e con le sue spese.

Incuriosito e sollecitato dalla simpatia dilagante dello scrittore gli ho chiesto di fare, per i nostri lettori, alcuni esempi di colmi, dilemmi e battute. 

R.: Il colmo più originale l’ho scritto sul Papa. Il colmo per il Papa è non poter far sesso per colpa di un accento.

I dilemmi sono la mia specialità del tipo… A Topolinia la pioggia si misura in Minniebar?

Il progetto di un carcere può essere realizzato a mani libere?

Una tipa sveglia a che ora comincia a rompere le palle?

Una battuta tragicomica leggermente osé, ma d’avanguardia è questa: Un mio amico, prima di morire, mi rivelò d’essere gay, ma ancora vergine. Le sue ceneri furono sparse per casa. Fu l’unica occasione d’essere scopato!

Il libro può essere acquistato al costo di 9,00 euro presso le princiali librerie di Bari (p.e. Roma -nei pressi stazione-, Quintiliano -Poggiofranco- Eta Beta -V.le Unità d’Italia-), o semplicemente on-line sul principale sito di vendite on-nlinewww.ibs.it per giunta al 15% di sconto. Una volta ordinato arriva in tutta Italia in due-tre giorni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *