DOF AMATORI

Dopo il successo a livello partecipativo ed organizzativo del Campionato Italiano di mezza maratona tenutosi ad Ostuni lo scorso 28 aprile, domenica 5 maggio a Lecce si auspicava una replica nella perfetta riuscita della manifestazione, considerato che era valida come Campionato regionale sulla distanza di 21 km. Oltre 1000 i partecipanti, a cui si è aggiunto un altro migliaio per la non competitiva di 10 km, che hanno dato risalto alla manifestazione che purtroppo a livello organizzativo non ha rispettato le attese, replicando in gravi pecche organizzative, già rilevate nelle precedenti edizioni: carenza di acqua e assenza di spugnaggi ai rifornimenti lungo il percorso, gravissimo ritardo alla partenza di circa mezzora nel già tardo e scriteriato orario prefissato delle 9.30, considerata la temperatura elevata nella fase cruciale della gara. Il suggestivo doppio giro tra le vie cittadine e nel centro storico affollato da turisti che intralciavano spesso il passaggio degli atleti, evidenziava un’altra falla, poiché il percorso era segnalato con frecce direzionali e km intermedi con vernice giallorossa assolutamente poco visibile,  che forse voleva presagire una festa calcistica per la promozione nella serie cadetta che però NON E’ ANDATA IN PORTO!!

Naturalmente e fortunatamente la medaglia ha sempre una doppia faccia e quella positiva è rappresentata dalle prestazioni dei nostri portacolori. Bianco all’ultima uscita, in prospettiva di impegni lavorativi che lo allontaneranno per qualche mese, ha stupito ancora, sgretolando di 2 minuti il primato personale sulla distanza, stabilito solo 2 settimane fa.. E’ riuscito a stoppare il cronometro in un’ora 17’ e 53’’, posizionandosi al 15° posto in classifica generale e al 2° di categoria, sfiorando il titolo di campione regionale solo per qualche secondo di distacco dal primo. La speranza della DOF è che gli impegni di lavoro,pur non permettendogli di gareggiare, gli consentano di rifiatare, ricaricando le batterie in prospettiva di una seconda parte di stagione ancora più da protagonista. Alle sue spalle ennesime prestazioni positive per Longo e De Chirico che hanno mostrato di esser in forma, recuperando sempre più secondi e limando le medie al chilometro. Rispettivamente 47° e 219° sono stati gli ordini di arrivo in classifica generale ma eccellenti i piazzamenti nelle graduatorie di categoria. A metà classifica e nelle retrovie da registrare gli arrivi di Valentini, arrivo frenato per intoppi fisici durante la gara , e De Luisi, che ha partecipato per il piacere di ammirare le bellezze della città barocca, senza velleità di classifica. Solitamente Paganini non ripete, ma per fortuna per la DOF non è così. Infatti, dopo Ostuni, anche a Lecce, oltre all’exploit di Bianco, c’è stato anche quello di Pia Starace. Anche per la Doffista è stato un successone. Determinazione, grinta ed allenamenti mirati le hanno permesso di migliorare il personale sulla distanza, abbassandolo di ben 2 minuti e concludendo i 21 km in 1 ora  41’ e 53’’ e chiudendo al 7° posto di categoria.

Spada e Catella invece si sono cimentati nella “Vivibarletta” lungo i 10 km che hanno attraversato il capoluogo della BAT. Percorso cittadino, pianeggiante e veloce, senza particolari difficoltà, animato dalla presenza di oltre 1000 atleti. I due Doffisti, oltre allo spirito partecipativo, hanno portato entusiasmo e voglia di migliorarsi, infatti  Spada ha migliorato il suo personale sulla distanza, abbassando la media intorno ai 5’ 30 al km. Un ottimo risultato considerato che solo qualche mese fa concludere una gara su quella distanza era solo una pura utopia.

Domenica 19 maggio sarà una giornata ricca di impegni per i Doffisti. Si riprende col Corripuglia e  l’ottava tappa sarà l’ottava edizione della “Corrimolfetta”, gara riservata anche alle categorie giovanili. In contemporanea si correrà anche una gara regionale a Taranto con la 37a edizione della “Stratataranto”. Casulli sarà impegnato in una gara di 10 km a Cagnano Varano, per un’ultima rifinitura in vista dell’esordio nell’ultramaratona del Passiatore del 26 maggio. Sicuramente memorabile per Pierangelo Greco sarà l’esordio nel triathlon, con la partecipazione al Monteparano Triathlon sprint, con 750 metri di nuoto, 20 km di bici e 5 km di corsa, da percorrere tutti in rapida successione.

DOF AMATORI

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *