C-130J DELL’AERONAUTICA MILITARE SALVA UN ANZIANO

In questo assolato agosto dove le notizie di eventi drammatici non mancano vogliamo raccontarvi una storia a lieto fine che si è consumata nel silenzio e nell’indifferenza dei principali media ma che testimonia, invece, come questo nostro amato Paese riesca nonostante tutti i suoi problemi ad andare avanti grazie al sacrificio di tanti servitori dello Stato.

“Ieri” come riporta il comunicato del ministero della difesa “un uomo di 70 anni, in imminente pericolo di vita, affetto da una grave patologia respiratoria, è stato trasferito d’urgenza da Alghero a Linate per consentirne l’immediato ricovero presso l’Ospedale Maggiore Policlinico di Milano. Il trasporto, resosi necessario viste le condizioni critiche dell’uomo, è stato richiesto dalla Prefettura di Sassari alla Sala Situazioni di Vertice dello Stato Maggiore Aeronautica che, immediatamente, ha disposto l’attivazione del volo sanitario, effettuato con un velivolo C-130J della 46ª Brigata Aerea di Pisa. Il velivolo è atterrato presso l’aeroporto militare di Milano (Linate) per caricare a bordo un’ambulanza dedicata al trasporto di ammalati in ossigenazione extracorporea e una equipe medica del Policlinico Maggiore. Successivamente il velivolo è decollato alla volta di Alghero e di nuovo Milano.”

Questa bella storia ci ricorda o dovrebbe farlo che uno strumento militare efficiente è una garanzia per i cittadini che sanno di poter contare, per fronteggiare situazioni eccezionali, sulla professionalità di uomini e donne addestrati, disponibili e soprattutto equipaggiati con strumenti adeguati. Tutto ciò ha ovviamente un costo: costano gli stipendi dei piloti che non sono andati al mare ma che hanno garantito la continuità del servizio, costa il carburante e costano gli aerei, costa il supporto logistico.

In poche parole l’eccellenza ha dei costi che la propaganda spicciola, il populismo e la demagogia in salsa elettorale non possono banalizzare, negare.

Ogni riferimento alle polemiche sui costi della difesa è pienamente voluto!

Foto: difesa.it

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *