CRESCE L’EXPORT IN PUGLIA: + 7,3%

Buone notizie per la nostra Regione dall’ICE,  l’Agenzia per la promozione all’estero e l’internalizzazione delle imprese italiane: nel 2012 il valore delle esportazioni della Puglia ha superato gli 8,8 miliardi di euro, con un aumento del 7,3% rispetto all’anno precedente.

Più nel dettaglio, con un export pari a 3,6 miliardi di euro, la provincia di Bari si conferma la prima realtà territoriale esportatrice, seguita da Taranto che, rispetto al 2011, ha fatto registrare un incremento del 18,2% delle proprie vendite estere, superiore alla media regionale e anche all’intera area del Mezzogiorno. Anche Foggia ha registrato una crescita delle proprie esportazioni superiore alla media e pari al 10,4 %, mentre le vendite estere di Lecce sono le uniche a riportare un calo (-4,3%) rispetto al 2011.

Ma cosa si esporta dalla Puglia? 

L’Ice rende noto che le vendite particolarmente significative, anche se in lieve calo rispetto all’anno precedente, sono state quelle di petrolio, di aeromobili, veicoli spaziali e relativi dispositivi, macchine di impiego generale. Positive e in controtendenza rispetto al 2010 e al 2011, invece, sono risultate le esportazioni di motori, generatori e trasformatori elettrici, cresciute del 64%.

Diversamente, sono risultate in calo le vendite di prodotti della siderurgia (-5,1%), al secondo posto nella graduatoria dei primi dieci beni per valore all’export della regione, le vendite di mobili (-9,5%) e di parti ed accessori per autoveicoli e loro motori (-15,3 %).

Anche nel 2012, quindi, la Puglia si distingue come la seconda regione del Mezzogiorno con il più elevato numero di operatori (6.246 unità), il cui fatturato medio si è attestato a 1,4 milioni di euro. Risultati, questi, che hanno  contribuito a consolidarne l’undicesima posizione per la nostra regione nella graduatoria nazionale delle regioni esportatrici.

foto: inquisitore.org

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *