AL POLICLINICO IL I TRAPIANTO DI CUORE ARTIFICIALE

Un doppio trapianto di cuore artificiale è stato eseguito, in due distinti pazienti ad alto rischio di pericolo di vita, dall’equipe medica della cardiochirurgia del Policlinico di Bari diretta dal professor Luigi De Luca Tupputi.

A ricevere il cuore artificiale sono stati due pazienti, di 69 anni e di 55, operati nella scorsa settimana. Ma si è atteso l’esito del decorso post operatorio per diffondere il risultato dell’impianto. Entrambi erano in pericolo di vita. Per ragioni biologiche e per assenza di organi non potevano essere sottoposti a trapianto classico, ma soprattutto non potevano attendere altro tempo: uno dei due, solo nel 2013, aveva subito ben dieci ricoveri di cui uno in rianimazione. Il trapianto, quindi, sarà definitivo per il paziente di 69 anni. Mentre, se dovesse rendersi disponibile un cuore compatibile, il più giovane dei due potrebbe essere sottoposto a un trapianto tradizionale. E per entrambi le dimissioni, al momento, sono previste nella prossima settimana.

Con il professore De Luca Tupputi hanno operato Domenico Paparella, Giuseppe Capone, Giosuè Lionetti e Concetta Losito, l’equipe classica dei trapianti tradizionali. A oggi quello di De Luca Tupputi è l’unico centro trapianti nella regione Puglia a disporre della possibilità delle pompe prodotte dalla HeartWare. Ognuna costa circa 100mila euro e il Policlinico ne ha già acquistate sei. 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *