CARABINIERI ALL’OPERA NELLA PROVINCIA DI BARI: SVENTATE TRUFFE E SEQUESTRATA MERCE RUBATA

Non conosce sosta l’attività investigativa degli uomini della “Benemerita” della provincia di Bari, infatti, in questo finire d’estate gli uomini dell’Arma, al Comando del Colonnello Rosario Castello, hanno sventato numerose truffe ai danni dei cittadini pugliesi e hanno posto sotto sequestro materiale risultato rubato.

Nello specifico:

a Bari è stato bloccato un albanese 60enne, sottoposto a fermo di P.G. con l’accusa di ricettazione dai Carabinieri della Stazione di Bari Carbonara che hanno operato congiuntamente ai militari della C.I.O. dell’11° Battaglione Carabinieri “Puglia”, che viaggiava a bordo di un mezzo pieno di materiale elettronico, gioielli ed elettrodomestici rubati appena prima di imbarcarsi per l’Albania con il prezioso carico. Nel corso di un servizio antirapina svolto nei pressi dell’ingresso del porto di Bari i militari hanno notato l’uomo in atteggiamento sospetto a bordo di un furgone  “Mercedes” mentre stava entrando nell’area portuale per imbarcarsi verso l’Albania. Fermato e sottoposto a controllo l’uomo è stato trovato in possesso di numerosi oggetti di provenienza illecita caricati nel mezzo. In particolare i Carabinieri hanno rinvenuto 28 orologi da polso di varie marche, 11 smartphone, 4 tablet e 2 pc portatili, 2 televisori, 2 telecamere ed 1 fotocamera digitali, elettrodomestici, argenteria e porcellane, monili in oro e gioielli e 2 biciclette da corsa ed 1 elettrica il tutto sottoposto a sequestro in attesa di essere restituito agli aventi diritto.  Su disposizione della Procura della Repubblica di Bari l’uomo è stato associato presso la casa circondariale di Bari.

A Barletta i Carabinieri della locale Stazione hanno deferito in stato di libertà un 48enne del luogo titolare di un bar pasticceria, ritenuto responsabile di furto aggravato. Nel corso di un controllo eseguito all’interno dell’attività commerciale i militari hanno appurato che lo stessa aveva collocato un magnete in corrispondenza del contatore Enel con lo scopo di alterare il reale consumo di energia elettrica. Il magnete ed il contatore sono stati sottoposti a sequestro ed affidati in custodia giudiziale a personale dell’Enel che ha provveduto ad interrompere l’erogazione di energia elettrica.

A Minervino Murge i Carabinieri hanno denunciato in stato di libertà un 29enne della provincia di Siracusa, già noto alle Forze dell’Ordine, con l’accusa di truffa. L’uomo, a bordo di una Volkswagen Golf, in transito per le strade del paese, in due differenti circostanze, ha simulato altrettanti sinistri stradali con falsa rottura dello specchietto retrovisore, truffando un 80enne e un 57enne facendosi consegnare complessivi  240 euro a suo dire utili per la riparazione dell’auto. Sul posto su segnalazione al numero di emergenza “112” effettuata dalle vittime insospettitesi per quanto accaduto, sono intervenuti i Carabinieri che hanno fatto luce sui due episodi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *