I MARO’ ANCORA IN INDIA

La Corte suprema indiana respinge le istanze dei due Marò di rientrare in Italia in libertà provvisoria, per le vacanze natalizie, perché l’inchiesta sui due pescatori non è ancora finita .

Latorre attualmente in Italia per curarsi  a causa dell’ictus celebrale, deve ritornare in India, mentre nessun permesso per Girone.

Tutto ha inizio quando il l 15 febbraio del 2012, la petroliera battente bandiera italiana, con a bordo 6 fucilieri del Reggimento  “San Marco”, della Marina Militare in missione per proteggere la nave in acque a rischio di pirateria, incrocia un peschereccio indiano.

Da quel momento inizia il calvario dei due fucilieri Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, i due vengono infatti arrestati dalle autorità indiane, perchè accusati di aver ucciso due pescatori.

Sono passati ormai più di mille giorni, qusi tre anni, e i due non sono ancora liberi e nulla si sà sulla loro sorte.

Le famiglie dei due Maro’ sono cadute nello sconforto, la compagna di Latorre ha dichiarato “…reputo che questa sia una enorme ingiustizia nei confronti dei due uomini…”; anche il Presidente della Repubblica si dice “…fortemente contrariato…”

Nessuno sino a questo momento è riuscito a districare questa difficile situazione, prima il governo Monti con il Ministro degli Esteri, poi a settembre del 2013 la ministro Bonino, quindi nel 2014 il Ministro della Difesa Pinotti che a marzo in una intervista a sky dichiara ” di errori ne sono stati fatti tanti”.

Ora anche il Ministro degli Esteri, Gentiloni , il 2 novembre dichiara che la sua priorità sono i due Marò.

I Marò sono  ancora prigionieri, speriamo che si possa finalmente porre fine a questa questione così intrigata.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *