IL VIAGGIO APOSTOLICO DEL PAPA

Il 12 gennaio Papa Francesco è partito per lo Sri Lanka, uno stato insulare conosciuto fino al 1972 come Ceylon, che si trova in  Asia; il suo viaggio proseguirà poi per Manila nelle Filippine e durante il  viaggio di ritorno sorvolerà anche la Cina e la Mongolia.

Il Papa è andato in Sri Lanka per canonizzare il primo santo di questo stato:  Giuseppe Vaz, che era stato beatificato nel 1995 da Papa Giovanni Paolo II.

Giuseppe Vaz (1651- 1711),  un presbitero indiano, nacque in India e giunse in Sri Lanka per sostenere i cattolici durante la persecuzione ad opera dei calvinisti olandesi.

   Un periodo quello del presbitero, ha sottolineato Papa Francesco, segnato da profonde divisioni religiose, quelle stesse divisioni religiose che sembrano segnare ultimamente anche la nostra epoca; il papa ha inoltre aggiunto che  “…la vita di Giuseppe Vaz ci insegna che l’autentica adorazione di Dio porta non alla discriminazione, all’odio e alla violenza, ma al rispetto per la sacralità della vita, al rispetto per la dignità e la libertà degli altri…” e, proprio a dimostrazione di tutto ciò che le quattro principali comunità religiose, rappresentanti del buddismo, induismo, islam e cristianesimo insieme con il Papa Francesco hanno lanciato un messaggio di pace e riconciliazione.

Alla messa di canonizzazione hanno assistito  più di 500.000 persone, la messa  animata dal suono dei violini  si è celebrata eccezionalmente di mercoledì   e non di domenica.

Questo in Sri Lanka è già il settimo viaggio internazionale di Papa Francesco, la lingua di tutti i discorsi del Papa sarà l’inglese.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *