NOMINATI I REFERENTI TERRITORIALI DI PIEMONTE E LAZIO

Con le nomine odierne dei referenti territoriali per il Lazio e il Piemonte, l’Associazione Apulia Onlus procede spedita lungo il percorso di radicamento su tutto il territorio nazionale.

Ad accelerare il processo è stato il Presidente Leonardo D’Elia che, appena confermato nel suo incarico all’unanimità dall’assemblea ordinaria dello scorso gennaio e coadiuvato nel direttivo da Claudio D’Amato tesoriere e da Leo Cusmai segretario, ha indicato le tappe di questo ambizioso progetto nominando i referenti territoriali.

Pionieri sul territorio nazionale sono Marco Decuzzi e Andrea Arduino D’Addessi nominati referenti per il Lazio e per Roma Capitale, Lucia Abbatantuono e Felice Mazzeo per il Piemonte e Torino.

Grande l’emozione per le nomine e tanta la voglia di mettersi subito a lavoro come si evince dalle parole di Lucia Abbatantuono:”fin dal primo momento in cui Leonardo D’Elia mi parlò del progetto Apulia Onlus intuii che sarebbe stata una grande cosa. Perchè lui non è solo un vero professionista, ma è anche un vero fratello d’elezione, e predilezione: siamo baresi, compagni di liceo, nati il medesimo giorno a poche ore di distanze. E a separarci saranno solo le ore, ovunque e sempre. Così come a separare Torino e la Puglia sarà solo un soffio, perché da vera pugliese sarò onorata da oggi di avvicinare la Mole alle Murge. Grazie.”

Gli alfieri della cultura e della solidarietà dell’Associazione si vanno ad aggiungere ai confermati Vito Giardino referente per Capurso, Francesco Decaro a cui si affianca Luigi Cavuoto su Corato e Cosimo Lerario neonominato su Palo del Colle.

Il Presidente D’Elia ha, inoltre, affidato a Marco Grattagliano l’incarico di referente per i rapporti con gli Ordini Professionali e a Vito Attolico quello di referente per i rapporti con le Associazioni/Enti Internazionali.

“Con queste nomine intendiamo accelerare il processo di integrazione e diffusione, su tutto il territorio nazionale, dei valori della sicurezza, della legalità e dello sviluppo, ma soprattutto della solidarietà e del servizio a favore della collettività e dei meno fortunati. Auguro” aggiunge il Presidente D’ELIA “ai nostri alfieri buon lavoro nella piena consapevolezza del delicatissimo incarico che a loro viene affidato: saranno, infatti, i testimoni dei valori associativi che ci contraddistinguono e dovranno, come novelli missionari, aprirsi alla società civile per creare nuove sinergie e trovare nuovi amici che vogliano condividere con noi un percorso di crescita interiore che passa attraverso l’impegno a favore del prossimo

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *