DANZANDO CON GLI ALLIEVI FINANZIERI, LA PRIMA VOLTA DI UNA DICIOTTENNE CON SINDROME DI DOWN

Sabato 6 giugno nel meraviglioso scenario liberty del Salone delle feste del Circolo Unione di Bari si è svolto uno dei più classici appuntamenti ricorrenti nel mondo del bon ton italiano: il Gran Gala del Ballo delle Debuttanti. All’insegna del fascino e dell’eleganza, come recitato dallo slogan della serata, organizzata dall’agenzia  Electra Events.

L’evento mondano è stato contraddistinto da ben due esordi assoluti. Il primo è che per la prima volta è stata la Puglia ad ospitare questa manifestazione.

L’altro, di particolare rilevanza nella storia sociale italiana, è che tra le sedici ragazze partecipanti provenienti da tutta Italia, ce n’era anche una con sindrome di Down, Grazie, infatti, alla partecipazione all’evento della Associazione Italiana Persone Down di Bari (presieduta dalla dottoressa Maria Gabriella DE NAPOLI) la diciottenne Ilaria LENZU, di Trani (BA) ha potuto danzare sulle note dei più classici brani ottocenteschi viennesi con un allievo della Legione della Guardia di Finanza di Bari.

Emozionata quanto basta, ma per nulla intimorita dalla scintillante divisa di gala del proprio partner, Ilaria già dai primi giri di valzer ha volteggiato con eleganza e charme, per poi concedersi con altrettanta disinvoltura ai microfoni delle televisioni accreditate che hanno voluto registrarne le impressioni “a caldo”. E ancor più in questo frangente, armata di una naturale verve è stata in grado di scrollarsi la parvenza di “fenomeno inaspettato”, rispondendo con la stessa naturalezza delle sua coetanee debuttanti.

Dopo nemmeno pochi minuti dal suo ingresso in sala, nessuno tra il pubblico, tra gli addetti ai lavori e tra gli operatori della informazione aveva la minima sensazione di una sua presunta “diversità”. Era ormai glamour tra le glamour, stella tra le stelle. Una inclusione assolutamente completa. Una altro mirabolante risultato conseguito dalla quotidiana opera portata avanti ormai da più di quaranta anni in Italia e all’estero dalla Associazione Italiana Persone Down nei vari settori della vita sociale, economica e lavorativa dello scenario italiano.

Di: Cosimo Lerario

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *