PANZERFAUST DRAGHI

Bombardamento sulle speculazioni, il ‘bazooka’ soccorre l’economia reale. Scontento a Francoforte

 

Il dado è tratto, Eurotower intensifica l’assalto. La Banca Centrale guarda all’economia reale deludendo i mercati, che dopo l’entusiasmo di ieri sono frenati dalle dichiarazioni del Presidente Draghi circa le scarse possibilità di ulteriore ribasso dei tassi, già falcidiati oltre le previsioni dal Consiglio Direttivo di ieri (il tasso principale di rifinanziamento arriva al minimo storico dello 0,0%, quello sui prestiti marginali scende a 0,25% ed il tasso sui depositi tocca quota -0,40%)

Potenziato l’alleggerimento quantitativo, a termine prolungabile Marzo 2017, il cui andamento di acquisto dei titoli di Stato sale da 60 miliardi di Euro a 80 al mese, con la novità di estensione del programma ulteriormente ai corporate bond di aziende con buon rating.

Instradato anche un nuovo programma di aste di liquidità con le quattro TLTRO (targeted longer-term refinancing operations) approvate, una ulteriore scossa all’immissione spregiudicata di liquidità sul mercato, che vede Supermario indulgere verso le banche al fine che si dedichino ancora al core business creditizio verso imprese e famiglie, con incentivi dati da tassi favorevoli fino all’indice già in vigore su quello di deposito.

Il Presidente della Banca Centrale parla chiaro: l’obiettivo è la facilitazione dell’accesso al credito per gli operatori economici reali. Un perentorio “nein” arriva dalle casse di risparmio teutoniche, che minacciano di non depositare presso la BCE le proprie liquidità.

Il ribasso emotivo delle mai sazie borse e l’intransigenza germanica non scoraggiano Draghi, che rivendica di aver spesso salvato l’Eurozona con le linee di Eurotower e conclude raccomandando ai governi di seguire le direttive della Commissione, implicitamente indicando questi come i reali responsabili delle necessità d’intervento del suo Board.

Di: Flavio Faccia

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *