BARI, MAXI SEQUESTRO DEI CC. SIGILLI PER 120 ML DI EURO

Maxi sequestro di beni operato dai Carabinieri del Comando Provinciale di Bari che hanno dato esecuzione ad un provvedimento, emesso, ai sensi della normativa antimafia, dal Tribunale di Trani, su proposta della locale Procura della Repubblica, che interessa Bari e la sua area metropolitana, Ferrara e i territori di Barletta e Trani.

A essere colpito dal provvedimento è stato l’ingente patrimonio accumulato nel tempo da Savino Tondo, 59enne di Corato (BA), pregiudicato per associazione per delinquere, furto, ricettazione, falso, esercizio abusivo dell’attività finanziaria, già sorvegliato speciale di pubblica sicurezza.

Il provvedimento scaturisce da un’indagine patrimoniale sviluppata dal Nucleo Investigativo, che ha permesso di accertare come il Tondo abbia messo a disposizione la sua azienda, operante nel commercio di veicoli, sia per porre in essere una redditizia attività di ricettazione di autovetture di provenienza furtiva, sia per concedere prestiti a persone escluse dall’ordinario circuito di accesso al credito, in quanto protestate, ovvero fallite. L’attività d’indagine ha altresì dimostrato come, da un lato, il destinatario del sequestro abbia reinvestito, nel settore immobiliare, capitali di ingente valore derivanti dalla sua attività illecita, dall’altro, come una serie di società, di beni mobili, anche registrati e immobili, rientrassero, di fatto, nella sua disponibilità, malgrado i modesti redditi dichiarati e sebbene intestati a diversi suoi congiunti e ad alcuni prestanome, accumulando una ricchezza del valore complessivo stimato di circa 120 milioni di euro.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *