XII CADUCEO D’ORO AL MINISTRO SANITA’ LORENZIN

Bari, 13 Novembre – Si è svolto nella giornata di ieri il convegno XII Caduceo d’Oro organizzato dall’Ordine dei Farmacisti di Bari e Bat, patrocinato da Senato della Repubblica, Ministero della Salute, Federazione Ordini Farmacisti italiani e Assessorato alle Politiche per la Salute della Regione Puglia, durante il quale si parlato di “L’Innovazione sostenibile – Il farmaco e le sfide per il futuro del Servizio Sanitario Nazionale”. 

Presenti all’iniziativa il senatore Luigi d’Ambrosio Lettieri, presidente dell’Ordine dei Farmacisti di Bari e Bat e promotore dell’evento, il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin e il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, moderati, dal caporedattore della testata Rai TGR Puglia, Attilio Romita. 

Parole chiave del Convegno sono state: Innovazione e sostenibilità, facce della stessa medaglia, che caratterizzano la sfida più dura e urgente per l’immediato futuro del nostro servizio sanitario nazionale schiacciato da un lato dalla logica di mercato e dall’altro dalla necessità di garantire, anche in futuro, equità, universalità e solidarietà.

Ad introdurre i lavori il presidente dell’Ordine interprovinciale dei Farmacisti di Bari e Bat, Luigi d’Ambrosio Lettieri che ha richiamato l’importanza su un aspetto cruciale, ovvero, sul problema della “sostenibilità del sistema sanitario nazionale che oggi vive una crisi grave e strutturale, stretto tra la necessità di ottimizzare le risorse disponibili e il dovere di garantire livelli essenziali di assistenza adeguati, efficaci, omogenei sul territorio nazionale e al passo con i notevoli cambiamenti che investono la salute pubblica a 360 gradi”.

Il dibattito ha anche registrato una apertura all’Esecutivo giunta dal governatore Michele Emiliano che ha dichiarato, in merito alle intenzioni espresse dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin di concedere possibili deroghe sul decreto ministeriale 70 per la sanità tarantina: “È stata una sorpresa straordinaria, perché è il primo segnale concreto che il governo ci dà sulle deroghe al decreto ministeriale 70, sulle assunzioni e anche sulla disponibilità alla spesa con riferimento ai casi ‘fuori scala’ dal punto di vista epidemiologico”.

Al termine dei lavori il Caduceo 2016 è stato assegnato al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin e all’Associazione nazionale Farmacisti volontari per la Protezione civile.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *