AL RIESAME LA VICENDA MALTRATTAMENTI SU MINORI DI NOICATTARO

IL ‘TRIBUNALE DELLA LIBERTÀ’ HA REVOCATO LE MISURE CAUTELARI A TRE DELLE EDUCATRICI ACCUSATE.

Martedì 6 febbraio tre educatrici dell’Istituto Sant’ Agostino di Noicattaro sono state rimesse in libertà. Le stesse, attinte da procedimento penale in base all’accusa di maltrattamenti a danno di utenti affetti da autismo, erano state sottoposte a misure cautelari.

La denuncia è stata sporta lo scorso gennaio da una dipendente del centro riabilitativo che dichiara di aver assistito a comportamenti vessatori, rivelando particolari preziosi per le indagini prese in carico dai militari della Stazione di Noicattaro.

Le educatrici R.S. e L.L. sono state rimesse in libertà su ordinanza del Tribunale del Riesame di Bari; i ricorsi della difesa hanno trovato accoglimento a seguito della riqualificazione del reato di violenza sugli utenti disabili della struttura riabilitativa, procedendosi ora per “abuso aggravato dei mezzi di correzione”

Una sorte differente ha però riguardato la signora R.L. la quale è stata sottoposta all’interdizione per dodici mesi.

Durante l’indagine compiuta dal PM Ruggiero, sono emersi alcuni dati allarmanti: tra novembre e dicembre dello scorso anno, presso la struttura convenzionata con il S.S.N, si sarebbero registrati episodi di lesioni a danno di nove utenti di età compresa tra i 7 ed i 15 anni affetti da patologie di varia gravità, che presumibilmente pregiudicherebbero la facoltà delle vittime di raccontare le violenze che avrebbero subito, stante la tesi dell’accusa.

ANTONIA DEPALMA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *