riPugliamoci: un movimento per l’ecologia

Nato da un’idea di giovani baresi (Andrea Uva, Mirko Saponaro, Angela Palella), “riPugliamoci” è un movimento ecologico che mira ad unire e sensibilizzare nell’importante sfida al miglioramento della qualità ambientale.
Nato “per caso” e sulla base della constatazione che dedicare parte del proprio tempo libero al decoro urbano è possibile per tutti con pochi mezzi (e tanto olio di gomito), laddove il buon senso umano e le risorse istituzionali non riescono ad arrivare, “riPugliamoci” è una realtà che in pochi giorni di vita ha già raccolto i suoi primi, forse inaspettati, frutti.
Guanti, buste per la raccolta di spazzatura, una pagina social da 0 ad oltre 300 iscritti in pochi giorni a dar risonanza al passaparola fra amici e conoscenze lato sensu: questi gli ingredienti dei primi appuntamenti sulle coste di Torre a Mare e Santo Spirito (con gli amici di “Retake”), che hanno visto coinvolti come protagonisti in misura sempre crescente (una quarantina nell’ultima occasione di incontro) volontari accorrenti dalla provincia di Bari nella raccolta dei rifiuti selvaggiamente abbandonati nell’ambiente.
Degradante il prevedibile quadro: un centinaio, ad ora, i sacchi fra oggetti di plastica, bottiglie in vetro, indumenti ed in particolare scarpe, siringhe, tavolini ed addirittura una freccia di arco; tonnellate di rifiuti, depositati dall’uomo o restituiti alle rive dalle acque, che sono stati smaltiti con la necessaria collaborazione dell’Amiu, la cui raccolta ha lasciato spazio ad uno scenario riportato all’originaria ed incontaminata naturalezza.
Il decoro ambientale, la sua conservazione, il suo miglioramento sono valori essenziali e costantemente richiamati con fondato allarmismo da organismi quali Legambiente, Greenpeace, WWF, dei quali “riPugliamoci” si fa promotore. Un ambiente preservato con la collaborazione di tutti è necessario e la sfida è ardua e tutta in salita ma, insieme, se si vuole, è piacevole affrontarla.
Per seguire e prender parte alle prossime iniziative del movimento, che intende estendere il suo raggio d’azione proseguendo lungo le coste della provincia, è possibile iscriversi alle pagine Facebook ed Instagram“riPugliamoci”.

articolo di Riccardo Zatton – foto reperita sulla pagina Facebook “riPugliamoci”

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *